Da Sartirana, la rana souvenir per Chernobyl

«Una rana per Chernobyl» è il titolo della raccolta di fondi per ospitare a giugno i bimbi della città ucraina.

Non potevano che pensare alla rana i volontari del sottocomitato Pro Chernobyl impegnati nella raccolta di fondi per ospitare a giugno i bimbi della città ucraina. L’ultima iniziativa è intitolata «Una rana per Chernobyl», pezzi da collezione che stanno andando a ruba in paese. Chi vuole aiutare il sottocomitato può acquistare la “rana senza tempo”, di Natale, di Carnevale, di San Valentino, della Festa della donna, della mamma e del papà. E ci sono anche la rana di Pasqua e di compleanno (rosa o azzurra), la rana ballerina e la rana giardiniere. L’offerta per un soprammobile è di 5 euro: le originali rane da collezione sono in mostra e prenotabili solo alla cartoleria di via Cavour. «Può essere una divertente idea regalo per tutte le occasioni, che oltre tutto ha uno scopo benefico», commenta Antonella Garlanda. Inoltre, sono state definite le famiglie che a giugno ospiteranno i bambini: si tratta della famiglia del sindaco Giancarlo Berton, della famiglia Garlanda-Leva e della famiglia Massaro. Il prossimo appuntamento del sottocomitato Pro Chernobyl è per domenica 29 marzo, per il Pesce d’aprile: dalle 8.30 alle 13 in piazza della Chiesa si potranno portare a casa i pesciolini rossi con un’offerta minima di 1,50 euro. (u.d.a.)

(fonte: la Provincia Pavese del 19 febbraio 2009)

Lascia un commento