5 libri per l’estate

Andar per libri è un bel passatempo estivo, per grandi e piccoli. Fuori dalla costrizione dei titoli imposti dalla scuola, che arrivi dalla biblioteca o dalla libreria, un libro tiene compagnia, sotto l’ombrellone come sui prati di montagna. Non è mai troppo presto per iniziare a giocare con i libri: si possono leggere, giocare, cantare e usare come strategia anti-noia, anche in auto durante il viaggio. Lo sa bene Letizia Bolzani – esperta in letteratura per l’infanzia, giornalista e narratrice, svizzera di nascita e pavese d’adozione – che di libri per bambini si occupa nella trasmissione radiofonica “Geronimo Libri”, in onda su RSI – Rete Due (Svizzera) – a cui abbiamo chiesto cinque titoli di libri per l’estate per bambini e ragazzi, divisi per fasce d’età.

5 libri per l'estate

Da 0 a 2 anni consiglio la serie di "Ping e Polo" di Jo Lodge (Ape Junior), che ha per protagonisti un pinguino e un orso polare. Sono libricini semplici, da manipolare, con le classiche linguette da tirare, che stimolano il bambino alla ricerca del particolare nascosto e favoriscono l’interazione adulto-bambino. Un bell’esempio di come sia possono presentare ai più piccoli le attività quotidiane, gli oggetti, il gioco, la nanna e le stagioni, interessandoli all’oggetto “libro”.

Per la fascia da 3 a 6 anni è molto bello “Il grande sbadiglio” (ed. Il Castoro) di Monika Spang (testi) e Sonja Bougaeva (illustrazioni). E’ un libro che farà sbadigliare tutti, non perché sia noioso, ma perché dentro – tra illustrazioni a doppia pagina e le rime che accompagnano alla nanna – arriva sempre uno sbadiglio. Di sera, quando lo zoo è chiuso, tutti gli animali si rilassano dopo la lunga giornata di lavoro e cominciano a sbadigliare: prima è la tigre, poi i cigni, i coccodrilli e le giraffe. Nessuno può resistere, nemmeno chi legge. L’ideale per scivolare nel sonno, dopo un’intensa giornata di tuffi o di camminate in montagna.

Da 6 a 8 anni ci sono le “Storie dell’uomo verde”, di Beatrice Masini (Einaudi Ragazzi), racconti nel racconto. La Masini è una delle migliori autrici italiane per ragazzi e qui riesce a creare una trama magica, che abbraccia due generazioni e le fa crescere attorno a un albero centenario abitato da un omino verde, che racconta storie ispirate alla natura.

Da 8 a 10 anni raccomandoCome rubare un cane di Barbara O’Connor (ed. Il Battello a Vapore, Piemme Junior), storia realistica ed attuale di una bambina che vive in un’automobile con la madre e il fratello, in attesa di potersi permettere un appartamento. Da un annuncio che promette una consistente ricompensa per il ritrovamento di un cane, alla bambina viene l’idea di rubare un cane per poi riconsegnarlo e avere la ricompensa. Le cose andranno in altro modo, ma intanto il libro riesce a trasmettere un messaggio importante – che parla di solidarietà e società – senza cadere nel greve o nel moralistico. Un buon insegnamento per bambini che si apprestano a diventare ragazzi.

Per i ragazzi della scuola media (da 12 anni) c’è un autore noto al pubblico adulto, che pur essendo alla sua prima esperienza nel campo della letteratura per ragazzi, se la cava con un romanzo più che dignitoso. E’ di John Grisham, La prima indagine di Theodore Boone (ed. Mondadori), storia di un omicidio perfetto e di un ragazzino di 13 anni che che vuole diventare avvocato e che per gioco fornisce consulenze legali ai suoi compagni di scuola. Quando sospetta che la giustizia stia commettendo un errore, Theodore Boone indaga in prima persona e si trova inaspettatamente coinvolto nel processo del secolo. Convincente e ben costruito, ottimo come giallo sotto l’ombrellone.

(autore: L’Agenda delle Mamme)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

40 − 32 =